Scarica il Regolamento Generale SIP in formato PDF (245 KB)

REGOLAMENTO GENERALE
La Società Italiana di Pediatria (SIP) persegue i suoi obiettivi istituzionali sanciti dall’articolo 3 dello Statuto attraverso tutti i suoi organismi nazionali e regionali e i Gruppi di Studio secondo quanto stabilito dallo statuto.

Art. 1
La Società Italiana di Pediatria (SIP) persegue i suoi obiettivi istituzionali sanciti dall’articolo 3 dello Statuto attraverso tutti i suoi organismi nazionali e regionali e i Gruppi di Studio secondo quanto stabilito dallo statuto.

Art. 2
Per adempiere ai propri compiti istituzionali, la SIP può avvalersi di Commissioni consultive istituite ad hoc, come stabilito dall’art. 13 dello statuto. Il Consiglio Direttivo designa i componenti delle Commissioni ed il loro Presidente. La Commissione non può avere più di 5 componenti ed ha la durata di un anno solare, ferma restando la possibilità che possa esaurire i suoi compiti in un tempo minore. La Commissione può essere rinnovata dopo delibera del CD per un altro anno. Le Commissioni possono essere integrate anche con esperti non pediatri non iscritti alla società per esigenze tematiche ed ai fini del raggiungimento degli obiettivi, in numero non superiore a quattro. Le riunioni delle Commissioni devono essere autorizzate dal Presidente che darà mandato al Tesoriere di procedere ai relativi rimborsi delle spese sostenute per le riunioni. Per tutta la durata del proprio mandato il Presidente di una Commissione Consultiva non potrà far parte del Consiglio Direttivo nazionale. Non sussiste incompatibilità tra la carica di componente del CD e qualifica di Presidente del Comitato tecnico-scientifico ECM, del Comitato Risk Management e di Direttore di strumenti editoriali cartacei e online della società.

Art. 3
Per ottenere la nomina a Socio ordinario occorre :
a) presentare la domanda indirizzata al Presidente attestante il possesso dei requisiti previsti dallo Statuto e corredata dalla firma di presentazione di due Soci Ordinari
b) allegare la prova dell’avvenuto pagamento della quota sociale, che verrà restituita in caso di non ammissione
L’accoglimento della domanda è subordinata alla approvazione del Consiglio Direttivo.

Art. 4
L’ammontare della quota sociale annua è fissato dal Consiglio Direttivo e deve essere pagata entro il 31 Gennaio dell’anno al quale si riferisce, mediante bollettino di conto corrente postale intestato alla Società Italiana di Pediatria o attraverso altre procedure anche elettroniche previste dalla Società. La quota sociale dà diritto a ricevere tutti gli strumenti editoriali societari, ad accedere ai servizi offerti dal sito web della Società e ad usufruire della polizza di responsabilità civile professionale del medico pediatra – neonatologo, offerta dalla SIP e di eventuali altre polizze concordate con la SIP, previa formale adesione e pagamento del premio previsto. Al Socio che non abbia provveduto al rinnovo entro l’anno, verrà sospeso l’invio degli strumenti editoriali e l’accesso ai servizi. L’invio degli strumenti editoriali e l’accesso ai servizi verranno ripristinati al momento del pagamento; su richiesta del Socio ritardatario, verranno inviati i numeri arretrati delle Riviste. Se il pagamento della quota sociale non è stato effettuato entro il primo semestre dell’anno, la Segreteria amministrativa provvede a sollecitare il Socio inadempiente. Il mancato versamento della quota sociale per anni due comporta la decadenza dalla Società. Il socio decaduto potrà iscriversi di nuovo alla Società, trascorsi almeno due anni dalla decadenza.

Art. 5
La Sezione regionale alla quale appartiene il Socio ha diritto al 15 % della quota sociale versata. Tali quote sono a disposizione annualmente del Presidente e del Consiglio Direttivo regionale e potranno essere utilizzate, previa richiesta ufficiale del Presidente Regionale, alla segreteria amministrativa della SIP, che dopo l’autorizzazione del Presidente e del Tesoriere dispone i relativi bonifici.

Art. 6
L’Assemblea generale dei Soci può nominare i Soci Corrispondenti e Onorari, su proposta motivata del Consiglio Direttivo.

Art. 7
Il Presidente pro tempore della Società è il Presidente del Congresso Nazionale e di qualsiasi altra manifestazione a carattere nazionale indetta dalla Società. Il Consiglio Direttivo nomina i componenti del Comitato organizzatore e della Segreteria Scientifica, che fissano la quota di iscrizione al Congresso e curano il programma scientifico in collaborazione con il Consiglio Direttivo che procede ad approvare il Programma del Congresso e ne sovrintende l’organizzazione insieme all’Agenzia prescelta.

Art. 8
I Soci che organizzano manifestazioni ed eventi scientifici, a norma di Statuto, possono chiedere il Patrocinio della Società, inviando formale richiesta almeno 90 giorni prima dell’evento, seguendo la procedura indicata sul sito web. Possono altresì proporre eventi scientifici al Comitato scientifico ECM della SIP ai fini delle procedure di accreditamento e dell’inserimento nel piano formativo della SIP. Tali richieste ECM devono essere presentate entro il 30 settembre dell’anno precedente a quella in cui è programmato l’evento, secondo le procedure e la regolamentazione prevista. La SIP potrà concedere il proprio patrocinio solo ad eventi accreditati secondo le procedure ECM, con la eccezione di eventi istituzionali di rilevanza nazionale o internazionale.

Art. 9
Tutte le cariche sociali istituzionali elettive hanno la durata di quattro anni. Gli eletti non sono immediatamente rieleggibili nella stessa carica. Ciascun socio non può ricoprire contemporaneamente nello stesso periodo più di una delle cariche sociali istituzionali elettive, incluse quelle relative alle Sezioni regionali ed ai Gruppi di Studio.

Art. 10
Le candidature per il rinnovo delle cariche sociali, sostenute da almeno 50 Soci, dovranno essere inviate al Presidente della Società almeno 90 giorni prima della data delle elezioni per posta raccomandata, per il cui accoglimento fa fede il timbro postale della data di spedizione. Per ricoprire una carica sociale nazionale è necessaria una anzianità di iscrizione alla SIP di almeno 10 anni in regola con le quote sociali ed una esperienza maturata per almeno un mandato in un organismo collegiale regionale o di Gruppo di Studio o di Società affiliata alla SIP, con la sola eccezione dei Consiglieri junior per la cui eleggibilità è richiesta solo una anzianità di iscrizione continuativa alla SIP relativa agli ultimi 5 anni precedenti quello in cui si svolgono le elezioni. Le operazioni per l’elezione delle cariche sociali sono curate da una Commissione elettorale, nominata dal Consiglio direttivo quattro mesi prima della scadenza del mandato del Presidente e del CD. La Commissione, costituita da un Presidente e da 4 componenti tutti iscritti alla SIP, verifica le candidature pervenute ed almeno 30 giorni prima dalle elezioni, le ratifica e ne dà comunicazione scritta agli interessati. Le candidature vengono comunicate ai Soci almeno 30 giorni prima della data delle elezioni a mezzo degli organi di stampa societari e del sito – web della Società. L’elettorato è costituito dai Soci Ordinari in regola con il pagamento delle quote sociali al momento del voto e regolarmente iscritti, con domanda approvata dal Consiglio Direttivo, entro il 31 dicembre dell’anno immediatamente precedente quello in cui si svolgono le elezioni. All’inizio dell’anno in cui si svolgono le elezioni, il Consiglio Direttivo redigerà e depositerà presso la Sede legale della Società l’elenco dei soci aventi diritto al voto. La Commissione elettorale cura la preparazione ed il regolare svolgimento delle operazioni elettorali. Tali operazioni si svolgeranno in una unica data e con gli stessi orari su base territoriale regionale in sedi stabilite volta per volta dal Consiglio Nazionale, sulla base di bacini di utenza medi di 800 soci (range 600-1000), con eccezione di Sardegna e Sicilia in cui dovrà comunque essere identificata una singola sede per regione. Le operazioni elettorali dovranno prevedere il riconoscimento del Socio votante e la registrazione degli estremi del suo documento di identificazione; dovranno svolgersi con modalità informatizzate e con password personali che garantiscano la segretezza del voto, espresso per le singole cariche elettive, anche attraverso il riferimento a strutture organizzative già attive e riconosciute in questo ambito a livello nazionale. Il CD nominerà, su base territoriale regionale o interregionale, i Presidenti e due componenti dei seggi territoriali almeno 30 giorni prima della data delle elezioni, e affiderà ai Presidenti dei seggi i registri dei soci iscritti ammessi al voto. Il Presidente di seggio è responsabile della correttezza delle operazioni elettorali. I Componenti del seggio riportano nel registro, contenente i nominativi degli aventi diritto, gli estremi di un documento di identità. I Presidenti dei seggi, entro 72 ore dalla conclusione delle operazioni di voto, dovranno inviare, con raccomandata postale e ricevuta di ritorno, i registri ed i verbali relativi alle operazioni di voto firmati dai componenti del seggio. Il registro verrà conservato per i sei mesi successivi alla data delle elezioni presso la Sede della Società. In ogni seggio sarà presente una postazione della Segreteria amministrativa della SIP che controllerà la regolare iscrizione del socio e consegnerà il certificato elettorale, senza il quale non si potrà essere ammessi a votare. Nel caso in cui il socio non risulti in regola con il pagamento delle quote sociali dovute, queste potranno essere saldate presso la stessa postazione della Segreteria amministrativa della SIP del seggio, prima del rilascio del certificato elettorale.

Art. 11
Il presente Regolamento generale, approvato dal Consiglio Direttivo nella seduta del 3 Agosto
2010, può essere modificato dallo stesso su propria proposta o dall’Assemblea Generale a maggioranza semplice sulla base di proposte di modifica presentate da almeno 500 Soci.

REGOLAMENTO delle SEZIONI REGIONALI

Art. 1
In ogni regione d’Italia è istituita la Sezione Regionale della Società Italiana di Pediatria che ha le seguenti finalità:
I. realizzare gli obiettivi istituzionali della SIP nell’ambito regionale, in armonia con le altre organizzazioni pediatriche che operano nella regione
II. promuovere e coordinare i contatti fra Società Italiana di Pediatria, Aziende Sanitarie ed Ospedaliere, ASL, Organizzazioni sindacali, Pediatri e altri Operatori Sanitari della regione
III. rappresentare la SIP presso le autorità sanitarie regionali, collaborando con esse anche ai fini della programmazione sanitaria regionale in campo pediatrico.

Art. 2
Fanno parte della Sezione Regionale tutti i Soci Ordinari ed Onorari della SIP che risiedono, anche solo per motivi di lavoro, nella Regione. I Soci Ordinari costituiscono l’Assemblea Regionale.

Art. 3
La Sezione Regionale è retta da un Consiglio Direttivo.
Il Consiglio Direttivo regionale è composto da:
• un Presidente
• 6 Consiglieri eletti
Il Consiglio Direttivo nomina al suo interno il Vice – Presidente ed il Segretario/Tesoriere nella prima seduta.
Fa parte del Consiglio direttivo il Past – President per un anno solare dalla data di scadenza del proprio mandato.
Il Consiglio Direttivo delibera a maggioranza semplice. In caso di parità di voti prevale il voto del Presidente.
In caso di impedimento del Presidente, le sue funzioni vengono esercitate dal Vice – Presidente. Il Presidente ed i Consiglieri Regionali sono eletti con voto a scrutinio segreto dai soci in regola con le quote sociali. Hanno diritto al voto i soci che risiedono nella regione regolarmente iscritti con domanda di iscrizione approvata dal Consiglio Direttivo entro il 31 dicembre dell’anno precedente quello in cui si svolgono le elezioni. I candidati alla carica di Presidente Regionale dovranno avere una anzianità di iscrizione alla SIP di almeno 5 anni continuativi immediatamente precedenti l’anno delle elezioni ed avere maturato almeno un mandato in un organismo regionale o nazionale della SIP, in un Gruppo di Studio o in una Società Affiliata alla SIP. Le candidature alle elezioni per Presidente e Consiglieri devono essere sostenute dalla firma di almeno 10 soci e presentate almeno trenta giorni prima delle elezioni al Presidente uscente o ad un suo delegato. Le candidature vengono comunicate ai Soci almeno 30 giorni prima della data delle elezioni a mezzo degli organi di stampa e del sito – web della Società. Il Presidente ed i Consiglieri regionali sono eletti per quattro anni solari e non sono immediatamente rieleggibili nella stessa carica. Per tutta la durata del proprio mandato il Presidente della Sezione Regionale non può accedere a nessuna altra carica elettiva, ai sensi di quanto previsto dallo statuto e dal regolamento generale. Almeno quattro mesi prima della scadenza del proprio mandato, il Presidente Regionale comunicherà al Presidente la data e la sede delle elezioni per il rinnovo delle cariche. A tre mesi dalle elezioni, la Segreteria amministrativa della SIP redigerà e depositerà presso la Sede della Società l’elenco dei soci aventi diritto al voto della Regione, che verrà inviato al Presidente regionale. Due mesi prima della data delle elezioni il Presidente Regionale provvederà a nominare il Presidente e quattro soci componenti del seggio elettorale, cui spetta il compito di garantire la correttezza dello svolgimento delle operazioni elettorali e di redigere, al termine delle elezioni, il relativo verbale da inviare al Presidente ed al Consiglio Direttivo della SIP.

Art. 4
Entro 72 ore dallo svolgimento delle elezioni, il Presidente Regionale provvederà ad inviare al Presidente della SIP i nominativi dei nuovi eletti ed il periodo del loro mandato, unitamente al registro ed al verbale delle elezioni, ai fini della approvazione da parte del CD che procederà ad approvare ed ufficializzare le nomine dandone comunicazione ai Soci. Gli eletti sono tenuti a comunicare alla Presidenza i loro recapiti aggiornati. Se trascorsi due mesi dalla scadenza del mandato non si è ancora provveduto al rinnovo, il Presidente della SIP nomina un Commissario che convoca d’ufficio l’Assemblea Regionale.

Art. 5
Il Consiglio Direttivo regionale viene convocato dal Presidente e si riunisce con cadenza almeno trimestrale.
Il verbale di ogni riunione va fatto pervenire al Presidente della SIP entro 90 giorni.
Il Consiglio direttivo definisce i programmi di formazione ed aggiornamento professionale e coordina le attività scientifiche regionali, in armonia con le rappresentanze delle Società affiliate e dei Gruppi di Studio.
Si pone con le sedi istituzionali come interlocutore per l’organizzazione sanitaria interessante l’area pediatrica.
Partecipa alla elaborazione programmatica nazionale della SIP.

Art. 6
L’Assemblea è convocata dal Presidente almeno una volta l’anno per deliberare in merito ai programmi di attività e per approvare il rendiconto delle attività svolte, che deve essere trasmesso dal Presidente Regionale al Presidente della SIP.

Art. 7
II Presidente convoca i soci almeno due volte l’anno per sedute scientifiche, di aggiornamento, convegni regionali o altre manifestazioni attinenti agli scopi della sezione.

Art. 8
Il presente Regolamento Generale, approvato dal Consiglio Direttivo della SIP nella seduta del 3 Agosto 2010, può essere modificato dallo stesso su propria proposta o dall’Assemblea Generale a maggioranza semplice, sulla base di proposte di modifica presentate da almeno 500 soci.

REGOLAMENTO dei GRUPPI di STUDIO

Art. 1
I Soci interessati a particolari argomenti o tematiche possono costituire Gruppi di Studio, formulandone espressa richiesta al Presidente della SIP. Nella richiesta i Soci, il cui numero minimo per costituire un gruppo non deve essere inferiore a 50, devono precisare il nome del Gruppo, lo specifico ambito di interesse, i problemi clinici, assistenziali, didattici e di ricerca, che si intendono affrontare nel rispetto dell’articolo 3 dello Statuto e dell’articolo 1 del presente regolamento. Allegato alla richiesta di costituzione del Gruppo di Studio, deve essere presentato un elaborato programmatico, in linea con lo statuto della SIP e con il presente regolamento. Il Consiglio Direttivo della SIP non può deliberare la formazione di Gruppi di Studio con interessi, denominazione e finalità analoghi a quelli di Società affiliate alla SIP. I Gruppi di Studio che non mantengono i requisiti minimi per la costituzione ai sensi dello statuto e del presente regolamento possono essere soppressi o convertiti in Commissioni Consultive dal Consiglio Direttivo SIP, previa idonea delibera motivata.

Art. 2
I GdS rappresentano articolazioni scientifico-organizzative della SIP, sono presieduti dal Presidente della SIP che ne rappresenta il legale rappresentante; sono quindi soggette a tutte le norme regolamentari organizzative e amministrative della SIP. Possono aderire alla costituzione di un Gruppo di Studio esclusivamente i Soci della Società Italiana di Pediatria, ma possono farne parte altri professionisti anche non medici.

Art. 3
Sono organi del Gruppo :
– Il Segretario
– Il Consiglio Direttivo composto da 6 soci SIP eletti come componenti
– L’assemblea degli aderenti

Art. 4
Il Gruppo ha sede nella Città di residenza del Segretario. La sede legale di ciascun Gruppo di Studio è la sede legale della SIP.

Art. 5
Il Segretario ed i componenti del Consiglio direttivo sono eletti secondo quanto previsto dal presente regolamento, durano in carica 4 anni e non sono immediatamente rieleggibili. Il Segretario ed i componenti del Consiglio Direttivo sono eletti dall’Assemblea degli aderenti con voto segreto e distinto (Segretario e Consiglieri). Le candidature alle cariche sociali devono pervenire al Segretario del Gruppo di Studio entro e non oltre trenta giorni dalla data fissata per le elezioni. Il Segretario ed i componenti del Consiglio Direttivo del Gruppo devono essere regolarmente iscritti alla SIP. Tre mesi prima della scadenza del mandato, la Segreteria Amministrativa della SIP redigerà e consegnerà al Segretario l’elenco dei soci iscritti al Gruppo ammessi al rinnovo delle cariche. I candidati alla carica di segretario di un Gruppo di Studio dovranno avere una anzianità di iscrizione alla SIP relativa ad almeno 5 anni consecutivi immediatamente precedenti l’anno in cui si svolgono le elezioni ed avere maturato almeno un mandato in un organismo elettivo nazionale o regionale della SIP, in un Gruppo di Studio o in una Società affiliata alla SIP. Per tutta la durata del proprio mandato il Segretario ed i Consiglieri del Gruppo di Studio non possono accedere a nessuna altra carica elettiva nazionale o regionale della SIP. Entro 72 ore dalla elezione il Segretario uscente è tenuto a comunicare al Presidente i risultati della elezione e ad inviare il verbale delle elezioni. Il Presidente né ufficializzerà il mandato dopo l’approvazione del Consiglio Direttivo dandone comunicazione agli eletti. Il Segretario ed i Componenti del Direttivo del Gruppo di Studio sono tenuti a comunicare alla Presidenza i loro recapiti aggiornati.

Art. 5 bis
Con riferimento ai mandati dei Segretari e dei Consigli Direttivi dei Gruppi di Studio attivi al 30/06/2014, si delibera di prolungare tali mandati oltre la scadenza naturale, al fine di effettuare una elezione contestuale dei nuovi Segretari e dei nuovi Consigli Direttivi. Si è identificato nel secondo semestre del 2016 l’ambito temporale in cui effettuare le nuove elezioni, in modo che i nuovi organismi dei Gruppi di Studio possano insediarsi contestualmente in data 01/01/2017 per il quadriennio successivo. Tale modifica al Regolamento risponde all’esigenza posta dai Segretari dei Gruppi di Studio e condivisa all’interno della Conferenza, di una maggiore e una più efficace integrazione tra i vari Gruppi di Studio e con il Consiglio Direttivo della Società.

Art. 6
Il Consiglio Direttivo del Gruppo di Studio indica gli indirizzi di attività del Gruppo, propone argomenti per relazioni o tavole rotonde da svolgersi in occasione di Congressi nazionali o regionali. Può proporre alla SIP attività formative da accreditare in ambito ECM secondo quanto previsto dalle procedure e dalle normative vigenti, da inserire nel piano formativo della SIP. Non potranno essere proposte attività formative a provider diversi da SIP né partecipare a piani formativi diversi da quello formulato dalla SIP. Le attività formative dovranno essere proposte entro il 30 settembre dell’anno precedente quello in cui sono previste, ai fini dell’inserimento nel piano formativo SIP.

Art. 7
L’Assemblea è formata dagli iscritti al Gruppo; si riunisce almeno una volta l’anno in occasione del Congresso nazionale della SIP, del proprio Congresso nazionale o di riunioni regionali o interregionali e delibera sull’attività del Gruppo. L’elezione per la carica di Segretario e di Consigliere deve avvenire in una riunione della assemblea degli aderenti, di norma in occasione di un Congresso Nazionale della SIP.

Art. 8
Tutte le iniziative del gruppo che prevedono una attività a livello istituzionale o impegni di ordine finanziario devono essere preventivamente sottopiste al Presidente ed al CD della SIP ai fini della necessaria approvazione. Non è consentita la pubblicazione di documenti del Gruppo senza preventiva presentazione ed approvazione del Consiglio Direttivo SIP. Il Segretario, i Consiglieri ed i componenti del Gruppo di Studio non possono far parte di commissioni ministeriali o di altri organismi ufficiali a livello istituzionale, senza preventiva comunicazione al Consiglio Direttivo SIP e sua conseguente approvazione. Non possono essere costituite sezioni regionali del Gruppo. I Gruppi di Studio non possono disporre di loghi sostituitivi rispetto a quello della SIP, ma possono dotarsi di eventuali loghi che affianchino quello della SIP.

Art. 9
Ogni Gruppo di Studio può operare per il raggiungimento dei propri obiettivi in collaborazione con Società Affiliate alla SIP o con Gruppi di Studio affini. Tali collaborazioni vanno preventivamente autorizzate dal Presidente della SIP.

Art. 10
Con cadenza annuale, il Segretario del Gruppo di Studio, previa approvazione del Presidente SIP, sottopone al Consiglio direttivo della SIP il programma del Gruppo e ne comunica i risultati raggiunti.
Il Presidente della SIP, previa approvazione del Consiglio Direttivo, può designare un suo delegato presso il Gruppo di Studio per esigenze e situazioni particolari e contingenti, su delibera del Consiglio Direttivo stesso.
Il Consiglio direttivo della SIP vigila sull’attività, sull’aderenza agli obiettivi istituzionali e sulla composizione del Gruppo di Studio.
Il Gruppo decade se non conserva la quota numerica degli iscritti, fissata in almeno 50 Soci e se non presenta, tramite il suo Segretario, i report annuali di programmazione e di rendiconto.
La rispondenza ai requisiti è verificata dal Consiglio direttivo della SIP una volta all’anno.
Nel caso in cui il Segretario del Gruppo di Studio agisca in violazione delle norme previste dallo statuto e dal presente regolamento, il Presidente, previa approvazione del Consiglio Direttivo, può procedere al commissariamento del Gruppo, attraverso la nomina di un delegato ad hoc, ed alla trasformazione del Gruppo in una Commissione consultiva di area.

Art. 11
I Segretari dei Gruppi di Studio partecipano di diritto alla Conferenza Nazionale dei Gruppi di Studio (CoNaGS) della SIP, che contribuisce alla programmazione dell’attività scientifico – culturale della Società. La Conferenza Nazionale è composta dal Presidente e dai componenti del CD della SIP ed è presieduta dal Presidente della SIP.

Art. 12
Il Gruppo di studio si autofinanzia, per cui ad ogni aderente sarà richiesto il pagamento di una quota di iscrizione, il cui importo è stabilito dal Consiglio Direttivo SIP, su proposta del Segretario del Gruppo di Studio. La quota può essere pagata utilizzando il bollettino di conto corrente postale della SIP, indicando la causale di versamento o mediante la procedura elettronica prevista dal sito – web della Società. Le somme ricavate dal versamento delle quote al gruppo sono a disposizione del segretario e del consiglio direttivo del Gruppo, previa approvazione del Consiglio Direttivo e presentazione di regolari giustificativi di spesa. La gestione amministrativa e contabile dei singoli Gruppi di Studio è affidata alla Segretaria Amministrativa della SIP che dovrà relazionare annualmente al Tesoriere della SIP sullo stato finanziario dei gruppi e procedere alla approvazione dei relativi rendiconti finanziari.
Per il raggiungimento di specifici obiettivi il Gruppo di Studio può richiedere un contributo finanziario ad hoc alla SIP o ad altri enti, previa presentazione di un progetto e preventiva approvazione del Consiglio Direttivo SIP. Eventuali finanziamenti al Gruppo di Studio, diretti o indiretti, dovranno essere sottoposti a preventiva autorizzazione del Consiglio Direttivo della SIP.

Art. 13
Il presente Regolamento Generale, approvato dal Consiglio Direttivo nella seduta del 3 Agosto 2010, può essere modificato dallo stesso su propria proposta o dall’Assemblea Generale della SIP a maggioranza semplice sula base della proposta di almeno 500 soci.

REGOLAMENTO delle SOCIETÀ AFFILIATE

Art. 1
A norma dell’Art. 19 dello Statuto della SIP, i Soci possono istituire, Società di Specializzazione Pediatrica, affiliate alla SIP, quando siano in numero di almeno 250. Tali Società devono recare nello Statuto il legame con la SIP e devono ufficialmente denominarsi “Società di……..”, Affiliata alla Società Italiana di Pediatria.

Art. 2
La Società che chiede l’affiliazione deve esplicitare formalmente l’accettazione dello Statuto e del Regolamento generale della SIP e presentare un proprio Statuto, che non può essere in contrasto con lo Statuto e con gli scopi istituzionali della SIP. Ai fini della integrazione tra SIP e società affiliate, i piani formativi delle società affiliate dovranno integrarsi con quello della SIP, per quanto concerne le procedure di accreditamento ECM degli eventi proposti e la identificazione dei provider. Ciò consentirà una verifica congiunta preventiva dei piani formativi da parte dei relativi comitati tecnico-scientifici e dei rispettivi coordinatori.

Art. 3
Per la formazione della Società Affiliata i Soci interessati devono dare idonea comunicazione al Presidente della SIP almeno tre mesi prima della sua costituzione. Il Consiglio direttivo della SIP vaglia l’iniziativa e, dopo averne valutato lo Statuto ne delibera la conformità ed approva lo stato di affiliazione.

Art. 4
Lo stato di affiliazione decade se la Società Affiliata non mantiene la quota numerica di almeno 250 Soci e se le sue iniziative si rivelano in contrasto con lo Statuto, col Regolamento e con gli obiettivi della SIP.

Art. 5
Nel caso di decadenza dello stato di affiliazione alla SIP di una Società Affiliata, il Consiglio direttivo della SIP può dar vita ad un proprio gruppo di studio sulla materia di interesse della società che ha perso lo stato di affiliazione.
Non potranno comunque essere attivati gruppi di studio in ambito SIP su aree tematiche coperte da una società affiliata alla SIP.

Art. 6
Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio Direttivo nella seduta del 3 Agosto 2010, può essere modificato dallo stesso su propria proposta o dalla Assemblea Generale dei Soci a maggioranza semplice sulla base di una proposta di almeno 500 soci.

REGOLAMENTO del CONSIGLIO NAZIONALE

Art. 1
Il Consiglio Nazionale è l’organo di coordinamento e di verifica delle attività della SIP a livello regionale e si esprime annualmente sulle linee programmatiche societarie presentate dal Presidente. Il Consiglio Nazionale è composto dal Presidente, da tutti i componenti del Consiglio Direttivo e da tutti i Presidenti delle Sezioni Regionali.

Art. 2
E’ presieduto dal Presidente ed è da lui convocato almeno due volte l’anno. Il Presidente predispone l’ordine del giorno della riunione. Il Consiglio Nazionale può essere convocato anche su motivata richiesta dei 2/3 dei suoi Componenti.

Art. 3
Il Consiglio Nazionale elegge un delegato tra i Presidenti delle Assemblee Regionali per i rapporti con il Consiglio Direttivo che resta in carica per due anni e non può essere immediatamente rieletto, con il compito di svolgere attività di raccordo e di collegamento tra il Consiglio Nazionale ed il Consiglio Direttivo. Il delegato viene convocato per le riunioni del Consiglio Direttivo senza diritto di voto. L’elezione del delegato avviene con voto a scrutinio segreto in occasione di una delle riunioni del Consiglio Nazionale su convocazione del Presidente. Le candidature alla carica di delegato dovranno essere presentate dai Presidenti di Sezione Regionale interessati per iscritto al Presidente almeno 10 giorni prima della riunione convocata dal Presidente. Per essere eletto delegato è necessario avere un mandato residuo come Presidente Regionale di almeno due anni al momento delle elezioni. Nel caso in cui il Presidente di sezione regionale eletto delegato si dimetta o concluda il suo mandato di Presidente anticipatamente si procederà ad una nuova elezione del delegato alla prima riunione del Consiglio Nazionale successivo a tale scadenza.

REGOLAMENTO della CONFERENZA NAZIONALE DEI GRUPPI DI STUDIO

Art. 1
La Conferenza Nazionale dei Gruppi di Studio contribuisce alla programmazione dell’attività scientifica e culturale della Società, anche attraverso politiche di raccordo con la Consulta Nazionale.

Art. 2
La Conferenza Nazionale è composta dal Presidente, da tutti i componenti del Consiglio Direttivo e da tutti i Segretari dei Gruppi di Studio. E’ presieduta dal Presidente della SIP e viene convocata almeno due volte l’anno. Il Presedente cura e predispone l’ordine del giorno delle riunioni. La Conferenza Nazionale può essere convocata anche su motivata richiesta dei 2/3 dei suoi Componenti.

Art. 3
La Conferenza Nazionale dei Gruppi di Studio elegge un delegato tra i Segretari dei Gruppi di Studio in regola con i requisiti richiesti dallo statuto al 31 dicembre dell’anno precedente a quello delle elezioni. Il delegato ha funzioni di raccordo e di collegamento tra la Conferenza Nazionale dei Gruppi di Studio ed il Consiglio Direttivo, resta in carica per due anni e non può essere immediatamente rieletto. Il delegato viene convocato per le riunioni del Consiglio Direttivo cui partecipa senza diritto di voto. L’elezione del delegato avviene con voto a scrutinio segreto in occasione di una delle riunioni della Conferenza Nazionale su convocazione del Presidente. Le candidature alla carica di delegato dovranno essere presentate dai Segretari interessati per iscritto al Presidente almeno 10 giorni prima della riunione convocata dal Presidente. Per essere eletto delegato è necessario avere un mandato residuo come Segretario di Gruppo di Studio di almeno due anni al momento delle elezioni. Nel caso in cui il Segretario di Gruppo di Studio eletto delegato si dimetta o concluda il suo mandato di Segretario anticipatamente, si procederà ad una nuova elezione del delegato alla prima riunione della Conferenza Nazionale del Gruppi di Studio successiva a tale scadenza.

REGOLAMENTO della CONSULTA NAZIONALE

Art. 1
La Consulta Nazionale è l’organo collegiale di coordinamento istituzionale e scientifico delle società scientifiche di area pediatrica.

Art. 2
E’ composta dal Presidente della SIP che la presiede, da tutti i componenti del Consiglio Direttivo e da tutti i Presidenti di Società Affiliate iscritti anche alla SIP oltre alla società affiliata di cui è Presidente.
La Consulta Nazionale Pediatrica è convocata dal Presidente che ne cura e predispone l’ordine del giorno. La Consulta può essere convocata anche su motivata richiesta dei 2/3 dei suoi Componenti

Art. 3
La Consulta Nazionale elegge un delegato tra i Presidenti delle Società affiliate in regola con i requisiti richiesti dallo statuto al 31 dicembre dell’anno precedente a quello delle elezioni. Il delegato ha funzioni di raccordo e di collegamento tra la Consulta Nazionale ed il Consiglio Direttivo che resta in carica per due anni e non può essere immediatamente rieletto. Il delegato viene convocato per le riunioni del Consiglio Direttivo cui partecipa senza diritto di voto. L’elezione del delegato avviene con voto a scrutinio segreto in occasione di una delle riunioni della Consulta Nazionale su convocazione del Presidente. Le candidature alla carica di delegato dovranno essere presentate dai Presidenti interessati per iscritto al Presidente almeno 10 giorni prima della riunione convocata dal Presidente. Per essere eletto delegato è necessario avere un mandato residuo come Presidente di Società affiliata di almeno due anni al momento delle elezioni. Nel caso in cui il Presidente di Società Affiliata si dimetta o concluda il suo mandato di Presidente anticipatamente si procederà ad una nuova elezione del delegato alla prima riunione della Consulta Nazionale successiva a tale scadenza.

Art. 4
Ai fini dell’accreditamento ECM degli eventi formativi ed educazionali, la Consulta Nazionale si esprime sui piani formativi della SIP e delle società affiliate che siano anch’esse Provider accreditati, in un’ottica di sinergia scientifica e di potenziamento complessivo e modulato della formazione nell’area pediatrica.

 

Un commento

  1. GIANFRANCO TEMPORIN scrive:

    Ritengo potrebbe aiutare ad allargare il numero di afflusso di elettori partecipanti se sisvolgessero contemporaneamente alle elezioni nazionali anche le elezioni regionali

Lascia un commento