Scarica lo Statuto della SIP in formato PDF (70 kb)

Art. 1 – Denominazione e durata
L’associazione scientifica ha la seguente denominazione sociale: “Società Italiana di Pediatria”, in forma abbreviata SIP.
La Società Italiana di Pediatria è eretta in Ente Morale ai sensi e per gli effetti del Regio Decreto del 07.08.1936 n. 1613, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 05.09.1936 n. 206.
La Società SIP ha durata illimitata a decorrere dalla data della sua costituzione.

Art. 2 – Sede
La SIP ha sede presso la sua segreteria amministrativa e fiscale attualmente in Milano, Via Libero Temolo n. 4. L’Assemblea dei soci, con votazione a maggioranza assoluta dei presenti, può trasferire la sede dell’Associazione in luogo diverso.

Art. 3 – Oggetto Sociale
La SIP è una associazione scientifica che persegue i seguenti obiettivi:
• promuovere la ricerca, la formazione e l’informazione scientifica in campo pediatrico
• promuovere e tutelare la salute fisica e psichica del neonato, del bambino e dell’adolescente, di ogni cultura ed etnia, difendendone i diritti nella società sin dal concepimento
• garantire l’integrità della Pediatria come disciplina di insegnamento e dell’area pediatrica come metodologia assistenziale
• erogare attività di formazione continua in sanità, anche nella qualità di Provider ECM (Educazione Medica Continua).
La SIP collabora con le istituzioni, le professioni, le associazioni, le ONLUS, le fondazioni ed altri organismi coinvolti nella cura, nella prevenzione e nella protezione del bambino e della sua famiglia.
La SIP promuove iniziative tese a rafforzare il ruolo del pediatra nella società a difesa e tutela del bambino e della sua famiglia, anche attraverso percorsi e strumenti di comunicazione idonei ed integrati.
La SIP interagisce e collabora con analoghe Società scientifiche ed Istituzioni nazionali, europee ed extraeuropee per il perseguimento degli obiettivi e degli scopi societari.
La SIP non ha scopo di lucro né diretto né indiretto.

Art. 4 – Soci
I soci sono distinti in:
• Ordinari: medici italiani che dedicano la loro attività agli scopi di cui all’Art. 3. Per divenire socio si deve presentare una domanda al Presidente sottoscritta da due soci ordinari regolarmente iscritti da almeno 5 anni, con le modalità previste dal CD, La domanda di iscrizione dovrà essere approvata dal Consiglio Direttivo.
• Corrispondenti: medici stranieri con gli stessi requisiti di cui sopra
• Onorari: cittadini italiani o stranieri che abbiano acquisito particolari benemerenze.

Art. 5 – Diritti e doveri dei soci
I soci partecipano alle attività della Società, con l’obiettivo di diffonderne gli scopi e metterne in atto le direttive nel loro ambito di lavoro e nella società. Essi contribuiscono allo sviluppo della Società attraverso la propria attività didattica, assistenziale e di ricerca ed attraverso l’impegno organizzativo nelle attività societarie.
Iniziative di formazione, aggiornamento e ricerca da parte dei soci possono ricevere il patrocinio della società previa presentazione di apposita richiesta al Presidente, secondo criteri e modalità stabiliti dal CD.
I Soci Ordinari versano una quota annua alla SIP stabilita dal Consiglio Direttivo. I Soci Onorari e Corrispondenti sono esenti da ogni onere finanziario. Ai soci ordinari non in regola con la quota annuale sono sospesi i diritti correlati con lo stato di associato.
Un Socio Ordinario può perdere la qualità di socio per i seguenti motivi:
• per recesso, che deve essere comunicato per iscritto al Presidente della Società, e produce effetto ai sensi dell’articolo 24 del codice civile;
• per mancato pagamento della quota sociale annuale dopo un periodo di 3 anni consecutivi di mancato versamento della quota e con effetto ai sensi dell’articolo 24 del codice civile;
• per decadenza, pronunciata con giudizio dal Consiglio Direttivo, a causa di comportamento professionale, deontologico o scientifico sanzionato dal collegio dei Probiviri come illecito o lesivo del prestigio della società.
Per le ipotesi di esclusione che precedono resta salva la facoltà di ricorrere all’autorità giudiziaria ai sensi dell’art.24 del codice civile.

Art. 6 – Organi della SIP
Sono organi della SIP:
• L’Assemblea Generale dei Soci
• Il Presidente
• Il Consiglio Direttivo
• Le Sezioni regionali
• Il Consiglio Nazionale
• Il Collegio dei Revisori dei Conti
• Il Collegio dei Probiviri
• La Conferenza Nazionale dei Gruppi di Studio
• La Consulta Nazionale

Art. 7 – Assemblea Generale dei Soci
L’Assemblea Generale dei Soci è costituita da tutti i Soci.
Le sue deliberazioni, prese in conformità con la Legge e con lo Statuto sociale, vincolano tutti i Soci, anche se assenti o dissenzienti, al loro rispetto in ambito societario.
Viene convocata dal Presidente almeno 30 giorni prima della data fissata, con avviso inviato individualmente a tutti i Soci con mezzi postali o strumenti informatici autorizzati, contenente l’elenco delle materie all’ordine del giorno, il luogo, la data e l’ora della prima e dell’eventuale seconda convocazione:
• in seduta ordinaria, in occasione di ogni Congresso Nazionale o quando se ne ravvisi la necessità
• in seduta straordinaria, per delibera del Consiglio Direttivo o su richiesta di almeno 1/10 dei Soci ordinari.
Salvo diverse maggioranze inderogabilmente prescritte dalla legge o dal presente statuto, l’Assemblea è regolarmente costituita in prima convocazione, se è presente almeno la metà dei Soci, e delibera a maggioranza assoluta dei presenti; in seconda convocazione l’Assemblea delibera validamente a maggioranza assoluta dei presenti sui punti all’Ordine del giorno, qualunque sia il numero dei Soci intervenuti.
L’Assemblea è presieduta dal Presidente o, in sua vece, dal Vice – Presidente vicario, assistito dal Segretario del Consiglio Direttivo.
L’Assemblea si esprime con un voto sul bilancio finanziario preventivo e consuntivo ed un voto sull’attività della Società
Delibera sulle proposte avanzate dal Consiglio Direttivo e su proposta del Consiglio Direttivo nomina i Soci Corrispondenti e quelli Onorari.
Nomina i componenti del collegio dei probiviri su proposta del Consiglio Direttivo.
Nomina i due componenti del Collegio dei Revisori dei Conti tra i revisori contabili previsti ai sensi della normativa vigente, su proposta del Consiglio Direttivo.

Art.8 – Presidente
Il Presidente rappresenta la Società in tutte le circostanze ed occasioni ed è responsabile dell’indirizzo generale dell’attività societaria.
Convoca e presiede il Consiglio Direttivo, l’Assemblea Generale, il Consiglio Nazionale, la Consulta Nazionale, la Conferenza Nazionale dei Gruppi di Studio e i congressi nazionali, predisponendone l’ordine del giorno.
Indice le elezioni per il rinnovo di tutte le cariche elettive prima della scadenza del relativo mandato.
Cura l’esecuzione delle delibere del Consiglio Direttivo, dell’Assemblea Generale, del Consiglio Nazionale, della Consulta Nazionale e della Conferenza Nazionale dei Gruppi di Studio e vigila sulla loro applicazione in collaborazione con il Consiglio Direttivo.
E’ responsabile della custodia dello statuto, del regolamento e dell’’Archivio Sociale.
Il Presidente può delegare alcune funzioni a ciascuno dei 2 Vice-Presidenti e ad altri componenti del CD.

Art. 9 – Consiglio Direttivo
Il Consiglio Direttivo è costituito da:
• il Presidente
• 2 Vicepresidenti
• il Tesoriere
• 5 Consiglieri
• 2 Consiglieri junior (con età inferiore a 40 anni alla data delle elezioni)
• Il Past-President per un anno a partire dalla data di scadenza del proprio mandato.
Il Consiglio Direttivo nomina il Segretario tra i consiglieri eletti.
Il Consiglio Direttivo delibera a maggioranza semplice. In caso di parità dei voti, prevale il voto del Presidente.
Il Consiglio Direttivo ha i più ampi poteri per intraprendere o autorizzare ogni atto e operazione che rientrino nelle finalità della SIP e che non siano prerogativa dell’Assemblea, entro i limiti e con l’osservanza delle norme stabilite dall’ordinamento giuridico.
In particolare:
• Amministra il patrimonio della Società
• Nomina i Soci Ordinari e propone all’Assemblea Generale le nomine dei Soci Corrispondenti e Onorari
• Promuove e controlla le attività delle Sezioni regionali e dei Gruppi di studio, e ne valuta le proposte ed i progetti di interesse generale per la società
• Nomina i Direttori ed i componenti dei Comitati di redazione di tutti gli organi editoriali della SIP.
• Nomina i Presidenti ed i componenti delle Commissioni.
• Indice annualmente il Congresso Nazionale e ne definisce il programma scientifico
• Propone all’Assemblea Generale la nomina di due componenti del Collegio dei Revisori dei Conti tra i revisori contabili previsti ai sensi della normativa vigente.
• Propone alla Assemblea la nomina di 3 componenti per il Collegio dei Probiviri tra i soci con età superiore ai 60 anni ed oltre 20 anni di appartenenza continuativa alla Società Italiana di Pediatria. Il Consiglio Direttivo sottopone al Collegio dei Probiviri tutti i casi di pertinenza che pervengano alla Società e che pongano dubbi di sanzionabilità per comportamenti illeciti o lesivi del prestigio della Società e pertanto in contrasto con gli scopi di cui all’art 3.
Il Tesoriere ha la responsabilità della conduzione finanziaria ed ha l’obbligo di presentare entro il 30 aprile dell’anno successivo il Conto consuntivo finanziario chiuso al 31 dicembre di ogni anno, e il bilancio preventivo per l’anno in corso, di cui va data diffusione ai soci secondo tempi e modalità stabilite dal Consiglio stesso.
Il Consiglio Direttivo si riunisce su convocazione del Presidente con modalità previste dal regolamento. Il Presidente è tenuto a convocare il Consiglio anche a seguito di richiesta scritta e motivata presentata da almeno tre componenti del Consiglio Direttivo. Nei casi di urgenza la convocazione può essere effettuata con almeno 24 ore di tempo dalla riunione. Per la validità delle deliberazioni è necessario il voto favorevole della maggioranza dei componenti presenti. In caso di parità dei voti prevale il voto del Presidente. Il Consiglio Direttivo può invitare ad assistere alle proprie riunione consulenti e persone estranee al Consiglio stesso.
Di ogni riunione viene redatto dal Segretario il verbale delle decisioni e delle deliberazioni adottate; tale verbale sottoscritto dal Presidente e dal Segretario è conservato agli atti della Società e diffuso con le modalità stabilite dal Consiglio stesso.

Art. 10 – Cariche societarie elettive
Le cariche elettive sono :
il Presidente
2 Vicepresidenti
il Tesoriere
5 Consiglieri
2 consiglieri junior (con età inferiore a 40 anni al momento della elezione)
Il Presidente indice le elezioni per il rinnovo di tutte le cariche societarie elettive nazionali almeno 180 giorni prima della scadenza del mandato, con comunicazione ufficiale notificata a tutti i soci.
I soci eleggono con voto e scrutinio segreto le cariche elettive. Le candidature dovranno essere inviate al Presidente almeno 90 giorni prima della data delle elezioni, accompagnate dalla firma di almeno 50 soci in regola con le quote sociali. Le operazioni elettorali dovranno svolgersi con modalità informatizzate che garantiscano in una stessa data l’espressione del voto a livello territoriale regionale. Il Presidente ed i componenti del
CD restano in carica per quattro anni e non sono immediatamente rieleggibili nella stessa carica per un successivo mandato. Il Presidente ed il Consiglio Direttivo entrano in carica immediatamente dopo la proclamazione.
Per ricoprire una carica sociale nazionale è necessaria una anzianità di iscrizione alla SIP di almeno 10 anni in regola con le quote sociali ed una esperienza maturata per almeno un mandato in un organismo collegiale regionale o di gruppo di studio o di società affiliata alla SIP, con la sola eccezione dei consiglieri junior per la cui eleggibilità è richiesta solo una anzianità di iscrizione continuativa alla SIP relativa agli ultimi 5 anni precedenti quello in cui si svolgono le elezioni.
In caso di temporanea vacanza del Presidente, subentra nella carica il Vice-Presidente più anziano anagraficamente identificato come Vice Presidente vicario. In caso di dimissioni, vacanza o impedimento permanente del Presidente, il Vicepresidente vicario subentra sino alla naturale scadenza del mandato. In caso di vacanza del Vice-Presidente vicario subentra l’altro Vice-Presidente, quindi il Tesoriere. Il subentrante è rieleggibile per la carica a cui è stato chiamato per vacanza.
In caso di vacanza di un vice presidente o del tesoriere subentra il primo dei non eletti fino al completamento del mandato del componente sostituito. I componenti subentrati sono rieleggibili. In caso di vacanza di un Consigliere, subentra il primo dei non eletti fino al completamento del mandato del componente sostituito. I componenti subentrati sono rieleggibili.
La vacanza simultanea di almeno sei componenti del Consiglio Direttivo comporta la decadenza dello stesso e la sua rielezione da parte dell’Assemblea convocata in seduta ordinaria o straordinaria.
Le cariche elettive nazionali sono incompatibili con qualsiasi altra carica elettiva interna alla SIP, comprese quelle dei Gruppi di Studio e delle Sezioni Regionali. I Presidenti di Sezione regionale, i Segretari dei gruppi di studio ed i Presidenti di Società Affiliata in carica al momento del termine ultimo di presentazione delle candidature, e cioè 90 giorni prima della data fissata per le elezioni, sono ineleggibili a tutte le cariche del Consiglio Direttivo.
Hanno diritto al voto tutti i soci regolarmente iscritti alla società, inclusa l’approvazione della domanda di iscrizione da parte del CD, entro la fine dell’anno solare precedente a quello in cui sono fissate le elezioni ed in regola con le quote sociali.

Art. 11 – Collegio dei Revisori dei Conti
I revisori dei Conti, in numero di due, sono nominati dall’Assemblea, su proposta del CD con un mandato triennale tra i revisori contabili previsti dalla normativa vigente e sono rinnovabili per un solo mandato successivo.
Compiti dei revisori :
• intervengono su convocazione del Presidente alle riunioni del Consiglio Direttivo relative all’approvazione dei bilanci preventivo e consuntivo, senza diritto di voto
• valutano la legittimità del bilancio preventivo e del bilancio consuntivo da presentare all’Assemblea dei Soci, sottoscrivendoli e con una relazione di accompagnamento.

Art. 12 – Collegio dei Probiviri
Il collegio dei Probiviri è un organo di garanzia per i Soci Ordinari e Corrispondenti.
E’ costituito da 3 componenti nominati dall’Assemblea generale su proposta del Consiglio Direttivo tra i soci con età superiore ai 60 anni ed oltre 20 anni di appartenenza continuativa alla Società Italiana di Pediatria.
Il Presidente del Collegio è eletto tra i componenti nella prima riunione successiva alla nomina.
Il Consiglio Direttivo sottopone al Collegio dei Probiviri tutti i casi di pertinenza che pervengano alla Società e che pongano dubbi di sanzionabilità per comportamenti illeciti o lesivi del prestigio della Società e pertanto in contrasto con gli scopi di cui all’art 3.
Il collegio dei Probiviri avrà facoltà di identificare la tipologia di sanzione commisurata alla problematica eventualmente accertata, dalla sanzione scritta alla decadenza dello stato di socio.

Art. 13 – Commissioni
Il Consiglio Direttivo, di sua iniziativa, può istituire Commissioni consultive per lo studio e l’approfondimento di problemi attinenti le finalità istituzionali della SIP. Il CD designa il Presidente ed componenti delle Commissioni.
La Commissione ha la durata di un anno solare, ferma restando l’eventualità che possa comunque esaurire il suo compito prima.
Le commissioni possono essere confermate o rinnovate su specifica indicazione del Consiglio Direttivo per più mandati annuali consecutivi.

Art. 14– Congresso Nazionale
La manifestazione ufficiale principale della SIP è il Congresso Nazionale da convocarsi ogni anno, che porta il titolo di “Congresso italiano di Pediatria” ed è contraddistinto da un numero progressivo.
Il programma scientifico è proposto da un Comitato Organizzatore presieduto dal Presidente pro tempore della SIP ed i cui componenti vengono nominati dal Consiglio Direttivo; il programma viene successivamente presentato al Consiglio Direttivo che deve approvarlo.
Per le modalità di attuazione del Congresso Nazionale si fa riferimento, per quanto non stabilito dallo Statuto, al Regolamento.

Art. 15 – Sezioni Regionali
La SIP è una associazione scientifica con rilevanza e diffusione nazionale. In ognuna delle Regioni d’Italia è istituita una Sezioni Regionali con lo scopo di realizzare le finalità statutarie nell’ambito regionale.
Scopi delle Sezioni regionali:
• Coordinare le attività scientifiche e formative dei soci della regione secondo gli scopi di cui all’art. 3 del presente statuto
• Rappresentare la SIP per quanto concerne le attività e le finalità statutarie presso le autorità sanitarie regionali, collaborando con esse ai fini della programmazione sanitaria regionale in campo pediatrico e della sua attuazione per la promozione e la tutela della salute in età evolutiva.
• Rendere operative localmente le determinazioni e gli indirizzi del Consiglio Direttivo e della Assemblea Nazionale
Le Sezioni Regionali sono istituite e funzionano secondo il relativo regolamento, approvato dal Consiglio Direttivo Nazionale.
I soci in regola con le quote sociali, sulla base della propria regione di domicilio, eleggono un Presidente ed un Consiglio Direttivo Regionale composto da 6 consiglieri, con modalità stabilite dal Regolamento per il funzionamento delle sezioni regionali approvato dal Consiglio Direttivo. Nella prima riunione successiva alla elezione il Consiglio Direttivo Regionale nomina nel seno il Vicepresidente regionale ed il consigliere con funzioni di segretario-tesoriere regionale. Il Presidente ed i Componenti del Consiglio Direttivo Regionale restano in carica per quattro anni e non sono immediatamente rieleggibili nella stessa carica. Il Presidente della Sezione Regionale dovrà aver maturato una anzianità di iscrizione alla SIP continuativa almeno degli ultimi 5 anni ed almeno un mandato elettivo in un organismo collegiale regionale o nazionale della SIP, di un Gruppo di Studio o di una Società affiliata alla SIP. Hanno diritto al voto tutti i soci della regione, regolarmente iscritti entro la fine dell’anno solare precedente a quello in cui sono fissate le elezioni ed in regola con le quote sociali.
I Presidenti ed i consigli direttivi regionali entrano in carica dopo la ratifica della procedura elettorale effettuata dal Consiglio Direttivo.
Ogni Presidente di Sezione Regionale invia al Presidente nazionale SIP una relazione scritta sulle attività della sezione presieduta almeno una volta l’anno.
I Presidenti regionali SIP, su delibera del Consiglio Direttivo Regionale, possono presentare proposte di natura tecnico organizzativa al Consiglio Direttivo della Società ed al Consiglio Nazionale.
Le sezioni regionali non possono concedere patrocini autonomi né disporre di loghi autonomi rispetto a quello della SIP.

Art. 16 – Consiglio Nazionale
Il Consiglio Nazionale è l’organo deputato alla trattazione ed all’analisi delle problematiche pediatriche con rilevanza assistenziale e scientifica in cui si rende utile e necessario un attivo coinvolgimento delle strutture organizzative diversificate su base territoriale e locale. E’ l’organo di coordinamento e di verifica delle attività della SIP a livello regionale e si esprime annualmente sulle linee programmatiche societarie presentate dal Presidente.
Il Consiglio Nazionale è composto dal Presidente, da tutti i componenti del Consiglio Direttivo e da tutti i Presidenti delle Sezioni Regionali.
E’ presieduto dal Presidente ed è da lui convocato almeno due volte l’anno, con le modalità previste dal regolamento. Il Consiglio Nazionale può essere convocato anche su motivata richiesta dei 2/3 dei suoi Componenti.
Il Consiglio Nazionale elegge un delegato tra i Presidenti delle Assemblee Regionali per i rapporti con il Consiglio Direttivo che resta in carica per due anni e non può essere immediatamente rieletto, con il compito di svolgere attività di raccordo e di collegamento tra il Consiglio Nazionale ed il Consiglio Direttivo, dal quale può essere convocato per le riunioni. Le modalità delle operazioni elettorali sono stabilite nel regolamento. Nel caso in cui il Presidente di sezione regionale eletto delegato concluda il suo mandato di presidente nel corso del biennio, cessa anche dalle sue funzioni di delegato e si procederà ad una nuova elezione alla prima riunione del Consiglio Nazionale successivo a tale scadenza.

Art. 17 – Gruppi di Studio
I Gruppi di studio sono aggregazioni culturali della Società costituiti da un numero minimo di 50 soci regolarmente iscritti alla SIP, interessati allo sviluppo ed all’approfondimento di specifiche tematiche scientifiche o assistenziali.
L’istituzione, il regolamento, le principali iniziative e un consuntivo annuale sull’attività svolta dai Gruppi di Studio devono essere approvati dal Consiglio Direttivo e non devono comunque essere in contrasto con gli scopi e gli orientamenti della SIP. Ogni iniziativa del Gruppo di Studio rivolta o diretta ad organismi istituzionali esterni alla SIP o comunque destinata alla comunicazione esterna deve essere preventivamente sottoposta ad approvazione del CD.
Il Consiglio Direttivo della SIP vigila sull’attività, sull’aderenza agli obiettivi istituzionali e sulla composizione del Gruppo di Studio.
Non possono essere attivati o mantenuti Gruppi di Studio su tematiche o aree culturali per le quali sono attive ed operanti società affiliate già costituite.
Il Gruppo di Studio elegge con modalità stabilite dal Regolamento approvato dal Consiglio Direttivo un Segretario ed un Consiglio di Coordinamento composto da 6 consiglieri tra gli aderenti al gruppo regolarmente iscritti alla SIP ed in regola con le quote sociali. Il Segretario del Gruppo di Studio dovrà avere una anzianità di iscrizione alla SIP almeno degli ultimi 5 anni. Il segretario ed il Consiglio di coordinamento entrano in carica dopo la ratifica della elezione elettorale effettuata dal Consiglio Direttivo.
Il Segretario ed i Componenti del Consiglio di Coordinamento restano in carica quattro anni solari e non sono immediatamente rieleggibili nella stessa carica per un successivo mandato.
Il Gruppo decade se non mantiene la quota numerica minima di soci da verificare annualmente e se non presenta il consuntivo annuale al Consiglio Direttivo. La decadenza del Gruppo va comunicata dal Consiglio Direttivo a tutti i soci.
Partecipa alla programmazione scientifica del Congresso Nazionale, secondo modalità stabilite dal Consiglio Direttivo.
I gruppi di studio non possono concedere patrocini autonomi né disporre di loghi sostitutitvi di quello della SIP.

Art. 18 – Conferenza Nazionale dei Gruppi di Studio
La Conferenza Nazionale dei Gruppi di Studio contribuisce alla programmazione dell’attività scientifico – culturale della Società. Vengono discusse e promosse iniziative tese a migliorare la qualità dei percorsi scientifici, formativi e di ricerca, anche attraverso politiche di raccordo con la Consulta Nazionale.
La Conferenza Nazionale è composta dal Presidente, da tutti i componenti del Consiglio Direttivo e da tutti i Segretari dei Gruppi di Studio. E’ presieduta dal Presidente della SIP e viene convocata almeno due volte l’anno secondo le modalità indicate nel regolamento dei Gruppi di Studio. La Conferenza Nazionale può essere convocata anche su motivata richiesta dei 2/3 dei suoi Componenti.
La Conferenza Nazionale dei Gruppi di Studio elegge un delegato tra i Segretari dei Gruppi di Studio in regola con i requisiti richiesti dallo statuto al 31 dicembre dell’anno precedente a quello delle elezioni, con funzioni di raccordo e di collegamento tra la Conferenza Nazionale dei Gruppi di Studio ed il Consiglio Direttivo che resta in carica per due anni e non può essere immediatamente rieletto. Il delegato può essere convocato dal Consiglio Direttivo. Le modalità della elezione sono stabilite nel regolamento approvato dal CD. Nel caso in cui il Segretario eletto delegato concluda il suo mandato di segretario nel corso del biennio, cessa dalle funzioni di delegato e si procederà ad una nuova elezione alla prima riunione della Conferenza successiva a tale scadenza.

Art. 19 – Società Affiliate alla SIP
I Soci della SIP con interessi in specifiche aree della pediatria ed in specialità pediatriche possono istituire, previo parere vincolante e motivato del Consiglio Direttivo, Società di Specializzazione Pediatrica, affiliate alla SIP, quando siano in numero almeno pari a 250.
Tali Società devono recare nello Statuto il legame con la SIP e devono ufficialmente denominarsi “Società di ……..”, Affiliata alla Società Italiana di Pediatria.
Lo statuto di tali Società deve altresì riportare che possono esserne Soci:
• Soci ordinari della SIP
• Medici o professionisti di estrazione non medica, non iscritti alla SIP.
L’attività delle Società affiliate non può essere in contrasto con lo Statuto e con gli scopi istituzionali della SIP.
La SIP non può concedere lo stato di affiliazione a società che operano in aree tematiche per cui sono attivi Gruppi di Studio, a meno di una esplicita deliberazione del Gruppo di Studio di volersi trasformare in società affiliata, per la sussistenza dei parametri richiesti dal presente statuto e delle motivazioni scientifiche.
Per la costituzione di una Società Affiliata alla SIP i Soci interessati devono dare idonea comunicazione al Presidente della SIP almeno tre mesi prima dell’istituzione della Società inviando contestualmente lo statuto associativo.
Le società affiliate partecipano alla programmazione scientifica del Congresso Nazionale, secondo modalità stabilite dal Consiglio Direttivo.

Art. 20- Consulta Nazionale
Al fine di favorire sempre più stretti rapporti di collaborazione e di unità di tutte le Società Affiliate, tra di loro e con la SIP, ed al fine di perseguire scopi ed iniziative culturali e assistenziali comuni, è istituita la “Consulta Nazionale”, organo collegiale di coordinamento istituzionale e scientifico delle società scientifiche di area pediatrica. Essa è composta dal Presidente della SIP che la presiede, da tutti i componenti del Consiglio Direttivo e da tutti i Presidenti di Società Affiliate iscritti anche alla SIP oltre alla società affiliata di cui è presidente .
La Consulta Nazionale Pediatrica è convocata dal Presidente secondo le modalità previste nel regolamento. La Consulta può essere convocata anche su motivata richiesta dei 2/3 dei suoi Componenti
La Consulta Nazionale elegge un delegato tra i Presidenti delle Società affiliate in regola con i requisiti richiesti dallo statuto al 31 dicembre dell’anno precedente a quello delle elezioni con funzioni di raccordo e di collegamento tra la Consulta Nazionale ed il Consiglio Direttivo che resta in carica per due anni e non può essere immediatamente rieletto. Il delegato può essere convocato dal Consiglio Direttivo. Le modalità delle elezioni sono stabilite nel regolamento approvato dal CD. Nel caso in cui il Presidente di società affiliata eletto delegato concluda il suo mandato di Presidente nel corso del biennio, cessa dalle sue funzioni di delegato e si procederà ad una nuova elezione alla prima riunione della Consulta Nazionale successiva a tale scadenza.

Art. 21 – Editoria SIP – Sito WEB – Area Provider ECM
Tutte le iniziative editoriali e formative della Società sono istituite e rese operative dal Presidente in accordo e collaborazione con il Consiglio Direttivo. La nomina dei Direttori,e dei componenti dei comitati di redazione avviene a maggioranza semplice nel CD. Il CD dovrà garantire e controllare l’attività delle strutture editoriali e formative, in linea con il mandato programmatico e con le norme ministeriali vigenti in tema di Educazione Medica Continua (ECM).

Art. 22 – Retribuzione delle cariche sociali
Tutte le cariche sociali sono gratuite.

Art. 23 – Patrimonio
Il patrimonio sociale può essere costituito da beni e valori di qualsiasi natura, che pervengano alla SIP per acquisto, donazione o per qualsiasi altro titolo.
Le entrate della SIP sono costituite da:
- quota sociale versata da ciascun Socio
- altri contributi versati dai Soci, sulla base delle deliberazioni dell’Assemblea
- contributi versati dallo Stato o da Enti pubblici e privati
- altri proventi che pervengono alla SIP a qualsiasi titolo

Art. 24 – Esercizio finanziario
L’esercizio finanziario ha inizio il 1° Gennaio e termina il 31 Dicembre di ogni anno.
Tutte le attività relative all’esercizio finanziario rispettano i tempi e le modalità previste dalla vigente normativa di legge.

Art. 25 – Finanziamento dell’attività sociale
Le attività sociali sono finanziate attraverso la quota sociale e/o i contributi di Enti pubblici o privati. Sono esclusi i finanziamenti che configurino conflitto d’interessi con il S.S.N., anche se forniti attraverso soggetti collegati.

Art. 26 – Scioglimento
In caso di scioglimento della SIP, l’Assemblea generale deciderà sulla destinazione del patrimonio sociale.

Art. 27 – Modifiche dello Statuto
Il presente statuto può essere modificato dall’Assemblea generale convocata in seduta straordinaria con votazione a maggioranza dei presenti, fatta eccezione per le delibere di scioglimento e di conseguente devoluzione del patrimonio dell’associazione che dovranno inderogabilmente essere approvate dai tre quarti dei soci iscritti.
Le proposte di modifica sono formulate dal Consiglio Direttivo o da almeno 1/10 dei Soci ordinari con nota scritta ed indirizzata al Presidente della Società.
Il Presidente deve includere nell’Ordine del Giorno dell’Assemblea un punto relativo alle modifiche di Statuto e deve notificare ai Soci il testo delle modiche proposte almeno un mese prima della convocazione dell’Assemblea stessa.

Art. 28 – Norme transitorie
Il presente statuto entra in vigore all’atto della sua approvazione da parte dell’assemblea dei soci, con eccezione delle norme che prevedono l’estensione del mandato a quattro anni per tutte le cariche elettive per tutti coloro che sono stati eletti prime della approvazione del presente statuto e l’elezione dei consiglieri junior.
Le commissioni permanenti ed i relativi coordinatori restano in carica sino alla fine del mandato del Direttivo attuale.
I revisori dei conti eletti restano in carica sino alla fine del mandato del Direttivo con compiti di collaboratori del Tesoriere.
Immediatamente dopo l’approvazione dello statuto vengono convocati il Consiglio Nazionale, la Consulta Nazionale e la Conferenza nazionale dei gruppi di studio per la elezione dei delegati.
In prima applicazione il Consiglio Direttivo procede alla nomina dei revisori dei conti scelti tra i revisori contabili previsti dalla normativa vigente. Essi rimangono in carica fino alla fine del mandato del Direttivo e non sono immediatamente rinnovabili.
Il Consiglio Direttivo ha la facoltà di trasformare in Commissioni o di mantenere in attività eventuali gruppi di studio esistenti che non rispondono ai criteri minimi ed alle caratteristiche previste dal presente statuto.
Il Consiglio Direttivo ha la facoltà di modificare le scadenze naturali vigenti al momento di entrata in vigore del presente statuto dei Presidenti e dei Consigli Direttivi Regionali, dei Segretari e dei Consigli di coordinamento dei Gruppi di Studio, in attesa di definire la regolamentazione complessiva delle relative modalità elettorali.

 

0 Commenti

Lascia un commento per primo.

Lascia un commento