Attività motoria, snellire le procedure

Un provvedimento nato con l’intenzione di tutelare la salute di chi pratica sport, ma che nel tempo sembra essersi trasformato in una “trappola” burocratica, che complica la pratica dell’attività motoria soprattutto dei giovanissimi.

A chiedere al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin di intervenire, semplificando le norme per la certificazione d’idoneità dell’attività motoria nell’infanzia sono il presidente dei pediatri FIMP Giampietro Chiamenti, quello della SIP Giovanni Corsello e dell’ACP Paolo Siani in una lettera “in nome e per conto di tutti i pediatri italiani”.

Scarica la lettera inviata al Ministro [pdf ]