Riunione del Consiglio Direttivo SIP Regione Sardegna, Oristano – 2 dicembre 2017

RIUNIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO SIP REGIONE SARDEGNA
Oristano – 2 dicembre 2017
Presenti
Presidente: Rossella Mura
Past President: Giuseppe Masnata
Vice Presidente Osama Al Jamal
Segretaria : Marta Balzarini
Consiglieri: Maria Grazia Clemente, Maria Rita Frau, Osama Al Jamal, Innocenzo Puddu, Carlo Ripoli.
Assenti
Nessuno
PUNTI ALL’ORDINE DEL GIORNO:
1) Costituzione del nuovo direttivo per il mandato 2017-2021 e passaggio di consegne
2) Condivisione Linee di indirizzo SIP Nazionale
3) Analisi d’ambiente: la nostra realtà regionale, la Consulta Pediatrica, i rapporti con le società regionali, i rapporti con le associazioni.
4) Programmazione dell’attività per l’anno in corso e definizione data del congresso SIP regionale.
5) Varie ed eventuali.
Inizio della Riunione: ore 13.
Costituzione del nuovo direttivo per il mandato 2017-2021 e passaggio di consegne
Il presidente conferma il nuovo direttivo eletto che risulta così composto:
Presidente: Rossella Mura
Vice presidente: Osama Al Jamal
Segretario/ tesoriere: Marta Balzarini
2
Consiglieri : Maria Grazia Clemente, Maria Rita Frau, Innocenzo Puddu, Carlo Ripoli.
MASNATA: il presidente uscente ragguaglia il consiglio sulle linee di indirizzo della SIP Nazionale. Comunica che la situazione finanziaria dello scorso mandato si è chiusa in pareggio di bilancio, nonostante le difficoltà nel reperimento di fondi per l’ultimo congresso di Area Pediatrica. Focalizza le criticità rilevate nell’ultima fase del precedente mandato, in particolare la necessità di favorire i rapporti tra le diverse componenti della nostra Società : Pediatria Universitaria, Ospedaliera e Territoriale nelle diverse realtà isolane. Al fine di favorire ciò suggerisce di designare come sede del prossimo congresso Sassari o Nuoro in alternativa a Cagliari.
Considerata la data del prossimo congresso Nazionale, previsto a Roma a Giugno, Masnata ribadisce la necessità di evitare la sovrapposizione degli eventi e di fissare da ora la data del Congresso Regionale del 2018.
Importante sarà valutare nel prossimo periodo la durata reale del mandato (se di 3 o 4 anni) in relazione a modifiche a livello nazionale, per programmare al meglio le attività.
Informa che negli ultimi anni si sono organizzati in Regione Sardegna anche gli Stati Generali della Pediatria ad ottobre/ novembre, con tema individuato a livello nazionale (gli ultimi temi trattati sono stati l’abuso e la sicurezza del bambino).
PUDDU: sottolinea l’importanza che ha avuto per la formazione dei pediatri di libera scelta soprattutto sui temi dell’emergenza urgenza la formula congressuale adottata negli ultimi anni con il Congresso unitario di Area pediatrica. La SIMEUP aveva già fatto molto in quest’ambito, ma la platea più ampia del congresso ha dato modo di raggiungere più colleghi e di incidere sui comportamenti.
MURA: suggerisce per il Congresso 2018 di privilegiare le sedi di pediatria ospedaliera e non sedi decentrate di più difficile raggiungimento.
Al JAMAL: propone di calendarizzare il Congresso unitario di Area Pediatrica (CAP) a cadenza biennale, intervallato dal Congresso Regionale SIP (CRS). Le singole società potranno così organizzare i loro specifici appuntamenti congressuali in maniera autonoma ad anni alterni.
3
MASNATA: commenta che il CAP con i corsi precongressuali hanno coinvolto in questi anni un numero elevato di pediatri, cosa più difficile con il CRS. Una delle motivazioni alla base della scelta di fare il congresso unitario di Area Pediatrica era stata quella di concentrare le risorse economiche disponibili in un unico appuntamento, questo tuttavia non ha portato ad una reale modifica delle abitudini nelle diverse società affiliate.
CLEMENTE: considerate queste premesse chiede che venga riportata l’esperienza dei precedenti CAP, ricapitolando quali società affiliate hanno attivamente partecipato, quali hanno spostato nel CAP le proprie risorse rinunciando all’organizzazione del proprio convegno autonomo, ed è d’accordo sull’opportunità di organizzare il CAP a cadenza biennale.
MASNATA: non tutte le società scientifiche hanno collaborato nel fund raising. La collaborazione maggiore è stata data da SIN, SIMEUP e SIEDP.
CLEMENTE: propone di organizzare una riunione e discutere il programma con tutti i presidenti delle società affiliate. Inoltre propone il coinvolgimento della realtà sassarese che conosce direttamente.
RIPOLI: concorda sull’organizzare CAP a cadenza biennale così da dare modo alle varie società di organizzare le loro attività congressuali. Porta l’esperienza relativa alla società scientifica di cui è referente per la diabetologia che ha bisogno di organizzare un congresso autonomo annuale per svolgere una adeguata attività formativa.
MURA: pur consapevole che i corsi precongressuali abbiano avvicinato un gran numero di colleghi alla SIP propone di ridurne il numero, affrontando negli anni tematiche differenti, al fine di mantenere nel tempo una elevata partecipazione
Al JAMAL: propone che le società scientifiche interessate dispongano comunque di uno spazio da gestire autonomamente nella giornata precedente il CRS.
MURA: propone di sperimentare modalità congressuali diverse nel corso dei 4 anni e l’utilizzo di sedi alternative negli anni del CRS.
MASNATA: ricorda la necessità di dare evidenza delle attività promosse dal Consiglio nel corso del mandato (contenuti per l’area regionale del Sito nazionale, trasmissione dei verbali, etc). Ritiene opportuno tenere almeno 4 riunioni del direttivo per anno e invita tutti a tenere un comportamento attivo e propositivo.
4
MURA: racconta l’esperienza fatta nell’anno in corso dalla Consulta di Area Pediatrica, organismo che include i direttori di struttura pediatrica presenti sul territorio regionale ed i rappresentanti delle società scientifiche di area pediatrica. La sua costituzione è stata stimolata dall’Assessorato Regionale alla Sanità e ha visto l’assemblea discutere autonomamente e con le istituzioni riguardo lo stato dell’assistenza pediatrica in Sardegna e le sue criticità. Il presidente della Consulta era Masnata in quanto presidente SIP. Il vicepresidente eletto è Roberto Antonucci dell’Università di Sassari. Propone che per questo mandato il ruolo di presidente della consulta non si identifichi necessariamente con quello del presidente SIP e che il mandato rimanga attribuito a Masnata, che svolgerà da tramite tra il Consiglio e la Consulta stessa.
Nei lavori della Consulta erano stati individuati dieci punti critici dell’assistenza pediatrica nel nostro territorio regionale da affrontare. Nessuno è stato risolto, alcuni non sono neanche stati affrontati. Questa importante iniziativa, ampiamente partecipata, non ha in realtà inciso in maniera reale sulle diverse situazioni
L’assemblea evidenzia e discute le criticità da condividere con la Consulta di Area Pediatrica:
– Definizione uniforme ed univoca a livello regionale dell’ETÀ PEDIATRICA, (che non sia quindi discrezionale nei vari presidi ed unità operative).
– Definizione dei compiti della equipe di ANESTESIA PEDIATRICA .
– Definizione della disponibilità di posti dedicati di RIANIMAZIONE PEDIATRICA
– Definizione delle modalità e della sede di erogazione del trattamento DIALITICO in età pediatrica
– Definizione della modalità di erogazione della TERAPIA INTENSIVA CARDIOLOGICA PEDIATRICA
– Gestione della transizione verso l’età adulta dei bambini affetti da PATOLOGIE CRONICHE E RARE.
– Necessità di un REGISTRO TUMORI operativo e istituzione e di un REGISTRO MALFORMAZIONI
5
– Modalità assistenziali della PEDIATRIA DI LIBERA SCELTA in relazione alla carenza di PLS nei territori regionali disagiati.
FRAU: sottolinea le criticità del suo territorio, che già adesso vive le conseguenze legate a tali difficoltà.
Al JAMAL: sottolinea la necessità che venga curata attivamente la sezione VOCI DALLE REGIONI del SITO SIP. Invita il Consiglio a farsi promotore di eventi sociali, educazionali e non solo scientifici che prevedano il coinvolgimento di associazioni e cittadini competenti. In questo contesto rientra anche quanto proposto da Clemente sulla verifica dello stato di salute dei bambini migranti residenti in Sardegna.
MURA: Segnala che in Assessorato si sta lavorando sulla formazione dei rappresentanti delle associazioni e a questa esperienza si potrebbe far riferimento per contattare le associazioni.
AL JAMAL: ricorda che a novembre è stata nominato dal Consiglio Regionale, per la prima volta, il GARANTE PER I DIRITTI DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA (Grazia Maria DEMATTEIS). Ritiene utile contattarla al fine di intraprendere iniziative comuni.
PROGRAMMAZIONE PER L’ANNO 2018:
MASNATA: Individua come possibile sede del congresso Nuoro, in cui in precedenza non sono mai stati svolti eventi regionali SIP. Si potrebbe valutare la possibilità, considerato questa rappresenti una sede di formazione SIMEUP, di far precedere il congresso da i corsi precongressuali sull’urgenza.
BALZARINI: Concorda sulla necessità di formazione in temi di emergenza e urgenza e sottolinea come per i giovani pediatri sia importante offrire formazione specifica anche nella rianimazione neonatale.
MURA: Concorda sulla proposta di svolgere il congresso a Nuoro, dando mandato alla dottoressa Frau di verificarne la fattibilità con il Dr. Cualbu, direttore della Pediatria di Nuoro. Il periodo previsto potrebbe essere quello della prima settimana di ottobre.
Termine della riunione: ore 17.00