Al via la campagna “Pediatra sentinella educativa”

Intercettare precocemente i disturbi del neurosviluppo è il principale obiettivo della campagna di formazione e informazione sul ruolo del ‘pediatra sentinella educativa’ promossa dalla Società Italiana di Pediatria (SIP) e dell’Istituto di Ortofonologia (IDO).

L’iniziativa mette a disposizione dei pediatri due opuscoli che forniscono sia indicazioni sui principali campanelli di allarme nel monitoraggio neuroevolutivo dei bambini da 0 a 24 mesi, sia i consigli che i medici potranno rivolgere ai genitori di piccoli da 1 a 5 anni.

“È dimostrato che intervenire tempestivamente – sarebbe ancor meglio prevenire – aiuta tantissimo nella risoluzione di questi problemi” afferma il Presidente SIP Alberto Villani. “Nessuno pretende che il pediatra diventi uno psicologo infantile o un neuropsichiatra infantile – chiarisce il Presidente della Sip – ma è importante che sappia avere contezza di una situazione di normalità  e rendersi conto  precocemente di ciò che invece può rappresentare un pericolo per la salute. Questo è un patrimonio al quale il pediatra non può rinunciare. Essere sentinella – rimarca Alberto Villani – significa essere colui che avvista da lontano le situazioni”.

Psicologi e neuropsichiatri intervengono “quando il problema è già esploso”, spiega Federico Bianchi di Castelbianco, psicoterapeuta dell’età evolutiva e Direttore dell’IDO. “Stanno aumentando i bambini che chiedono aiuto, ma la maggior parte di queste difficoltà possono essere intercettate già prima dal pediatra. Egli può verificare l’emergere di sintomi e segni e intervenire subito comunicando ai genitori a cosa andranno incontro se non affronteranno la situazione”.

Gli opuscoli

In aiuto dei pediatri arrivano i due opuscoli che nascono da un confronto tra professionisti di diversi ambiti. Entrambi gli opuscoli contengono nella parte iniziale alcune schede di rilevazione, che nel caso dei bambini 0-24 mesi riguardano soprattutto l’area dei disturbi neuroevolutivi di ordine biologico e neurologico. Nel secondo documento invece, dedicato ai bambini da 1 a 5 anni, si entra maggiormente nell’ambito dei comportamenti.

L’obiettivo del progetto sarà anche quello di promuovere incontri focalizzati su ogni singolo argomento affrontato negli opuscoli.

Le pillole

Sonno

 

0-24 mesi

 

Alimentazione

 

Socializzazione

 

Tecnologia

 

Vaccini