Test di laboratorio per SARS-CoV-2: indicazioni diagnostiche e criteri di scelta

Il documento tecnico del Ministero della Salute per un uso razionale e sostenibile delle risorse

‘Test di laboratorio per SARS-CoV-2 e loro uso in sanità pubblica’, è il titolo del documento elaborato dal Ministero della Salute per “chiarire le indicazioni per la diagnostica di SARS-CoV-2 e i criteri di scelta dei test a disposizione nei diversi contesti per un uso razionale e sostenibile delle risorse”.

“Alla luce delle evidenze al momento disponibili, della situazione epidemiologica e della necessità di garantire test in tempi compatibili con le diverse esigenze di salute pubblica- si legge nel documento- è fondamentale una scelta appropriata tra i test disponibili in funzione delle diverse strategie per la identificazione di infezione da SARSCoV-2”. Infatti “l’elevata sensibilità e specificità dei test- prosegue la nota tecnica- non possono rappresentare l’unico criterio nella scelta del tipo di test da utilizzare nell’ambito di una strategia che prevede non solo la diagnosi clinica in un preciso momento ma anche la ripetizione del test all’interno di una attività di sorveglianza che sia sostenibile e in grado di rilevare i soggetti positivi nel loro reale periodo di contagiosità”. 

Pertanto il Ministero sottolinea che “rimane essenziale la rapidità di diagnosi nei soggetti con sospetto clinico e/o sintomatici e dei contatti per controllare il focolaio limitando la diffusione del virus avvalendosi di quarantena e isolamento”.