Vaccini e Covid-19, il punto del Comitato Nazionale per la Bioetica

Aspetti etici, per la ricerca, il costo e la distribuzione

Il Comitato Nazionale per la Bioetica ha pubblicato il documento ‘Vaccini e Covid-19: aspetti etici, per la ricerca, il costo e la distribuzione’ con l’obiettivo di proporre una riflessione etica generale sul tema dei vaccini nell’ambito della pandemia Covid-19, partendo dalla consapevolezza delle condizioni di incertezza sul piano scientifico ed epidemiologico sul virus.

“Prendendo atto delle numerose sperimentazioni in corso- si legge nel documento- il Comitato sottolinea sul piano etico come l’emergenza pandemica non debba portare a ridurre i tempi della sperimentazione, indispensabili sul piano scientifico, bioetico e biogiuridico, per garantire la qualità e la protezione dei partecipanti. Il Comitato ritiene che il vaccino debba essere considerato un ‘bene comune’, la cui produzione e distribuzione a favore di tutti i Paesi del mondo non sia regolata unicamente dalle leggi di mercato. Questa raccomandazione- prosegue il documento- non deve rimanere un mero auspicio, ma piuttosto un obbligo a cui deve far fronte la politica internazionale degli Stati. Altresì il Comitato ritiene indispensabile che le aziende farmaceutiche riconoscano la propria responsabilità sociale in questa grave condizione pandemica”.