Buone pratiche Covid

Pubblicata sul sito dell’Agenas l’esperienza dei Direttori delle Unità di Pediatria dell’Emilia-Romagna

di Susanna Esposito, Direttore Clinica Pediatrica, Azienda Ospedaliera Universitaria Università di Parma

Articolo pubblicato su Pediatria – numero 3 – marzo 2021 – pag. 23

La pandemia da Covid-19 ha avuto drammatiche ripercussioni ovunque. A quella sanitaria sta seguendo una crisi sociale senza precedenti, a cui si aggiunge una crisi educativa e culturale che rischia di avere gravi conseguenze sul lungo periodo. In questo contesto, hanno assunto valore le esperienze territoriali derivate dalle reti dei professionisti socio-sanitari nate con l’obiettivo di limitare i danni medici e psico-fisico-relazionali conseguenti alla pandemia da SARS-CoV-2 sulla salute di bambini e adolescenti. L’esperienza dei Direttori delle Unità di Pediatria dell’Emilia-Romagna sulla gestione dell’emergenza dei pazienti Covid-19 in età pediatrica e adolescenziale è stata pubblicata sul sito dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (Agenas) come esempio di buona pratica clinica e può essere scaricata al link: https://cutt.ly/RxlfrZt

Agenas ha valorizzato le 5 raccomandazioni pubblicate da Choosing Wisely Italy sulle pratiche a rischio di inappropriatezza, non vantaggiose per il paziente e potenzialmente rischiose, che la nostra rete aveva presentato al Presidente e al Consiglio Direttivo della Società Italiana di Pediatria (SIP) e ulteriormente condiviso con i Presidenti e i Consigli Direttivi delle Sezioni Regionali della SIP. Con la stessa rete di pediatri, inoltre, abbiamo condiviso un documento di sintesi basato sui risultati degli studi disponibili e dell’esperienza clinica maturata per evidenziare le priorità assistenziali e di ricerca su Covid-19 in età pediatrica e adolescenziale, rivisto e modificato con esperti della Regione Emilia-Romagna, pediatri di famiglia e pediatri di comunità. Quest’altro documento è disponibile al link: https://www.medicoebambino.com/?page= meb_covid_19

I testi prodotti dimostrano l’importanza della condivisione fra le professioniste e i professionisti nella gestione di Covid-19 per garantire un approccio equo e basato sulle migliori conoscenze disponibili. Per le caratteristiche della patologia da Covid-19 in età pediatrica è essenziale un rafforzamento della rete fra la pediatria ospedaliera, quella territoriale (sia a livello di pediatria di libera scelta che a livello di pediatria di comunità e di neuropsichiatria infantile e adolescenziale), il personale scolastico, educativo, del sociale e la famiglia sia per la gestione strettamente clinica che per la riduzione del disagio, con priorità nei bambini di famiglie a maggiore fragilità.