Miocarditi pediatriche post vaccinazione

Aggiornamento: luglio 2021

La prevalenza della miocardite nella popolazione generale è compresa tra 10,2 a 105,6/100.000 con più di 1,8 milioni di nuovi casi per anno registrati in tutto il mondo (in particolare nei giovani maschi adulti), tra i quali rappresenta una delle cause più comuni di morte cardiaca improvvisa.
Secondo l’OMS, nel periodo 1975-1985, il virus Coxsackie B3 (CVB3, un enterovirus) risultava essere la causa più comune di miocardite nel mondo (34,6 per 1000 casi), seguito dal virus dell’influenza B (17,4 per 1000 casi), influenza A (11,7 per 1000 casi), virus Coxsackie A (9,1 per 1000 casi) e citomegalovirus (CMV) (8,0 per 1000 casi).

Anche se risulta essere difficile rilevare una frequenza di miocardite nei soggetti (in età pediatrica) affetti da Covid, in quanto la quasi totalità dei lavori presenti in letteratura sono il report o di singoli casi o di un piccolissimo numero di pazienti, un lavoro pubblicato recentemente sulla prestigiosa rivista scientifica “Circulation”, valutando i dati clinici di 286 bambini provenienti da 55 Centri di 17 paesi ha rilevato: un maggiore coinvolgimento cardiaco nei bambini con MIS associata a Covid-19, un significativo aumento dei livelli di Peptide Natriuretico B (BNP), ferritina, D-dimero e troponina oltre ad alti livelli di proteina C-reattiva e procalcitonina nella maggior parte di questi bambini; ma soprattutto ha confermato il dato della rarità dei decessi e della stessa MIS nei bambini con Covid-19, nonostante il coinvolgimento multisistemico, gli indici infiammatori elevati e la necessità di ricovero in Terapia Intensiva Pediatrica.

Per quanto attiene i casi di miocarditi/pericarditi post vaccino Covid- 19 in età adolescenziale, un recente report del CDC su oltre 7 milioni e 300mila dosi di vaccino somministrate a giovani tra i 12 e i 17 anni, a 21 giorni dalla prima inoculazione ha rilevato 4 casi di miocarditi/pericarditi nelle femmine e 32 nei maschi; a 7 giorni i casi rilevati erano stati 3 nelle femmine e 27 nei maschi. Nella stessa fascia d’età, su poco più di 4 milioni e 200mila seconde dosi, a 21 giorni si sono registrati 20 casi di miocarditi/pericarditi nelle femmine e 132 nei maschi, a 7 giorni i casi erano stati rispettivamente 19 e 128.

Nella maggior parte dei suddetti casi i pazienti che hanno necessitato di cure mediche hanno risposto bene ai farmaci e al riposo e hanno avuto un rapido miglioramento della sintomatologia. In genere l’esordio clinico è avvenuto pochi giorni dopo la vaccinazione e i casi registrati si sono verificati più spesso dopo la seconda dose.

In ogni caso il CDC, nelle donne di età compresa tra 12 e 17 anni, stima che per ogni milione di seconde di dosi si potrebbero prevenire circa 8.500 infezioni, 183 ricoveri e un decesso, mentre nei maschi della stessa fascia di età per ogni milione di seconde dosi si eviterebbero circa 5.700 infezioni, 215 ricoveri e due decessi.

Si raccomanda la vaccinazione Covid-19 ai soggetti con pregressa anamnesi positiva di miocarditi e pericarditi da varie noxe patogene. Possono ricevere la seconda dose di vaccino i soggetti che hanno ottenuto una guarigione clinica di pericardite dopo la prima dose di vaccino Covid-19. Coloro che soffrono di miocardite, dopo la prima dose di vaccino, possono prendere in considerazione la seconda dose in determinate circostanze, qualora non siano più presenti segni e/o sintomi della stessa condizione clinica. Qualora dopo prima dose di vaccino Covid-19, risultasse essere stata diagnosticata una miocardite associata a pericardite, si ritiene opportuna un’apposita valutazione specialistica, finalizzata ad ottenere un’idoneità per somministrazione della seconda dose.

– Acute Cardiovascular Manifestations in 286 Children With Multisystem Inflammatory Syndrome Associated With COVID-19 Infection in Europe. Valverde I, Singh Y, Sanchez-de-Toledo J, Theocharis P, Chikermane A, Di Filippo S et al. Circulation. 2021 Jan 5;143(1):21-32 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33166189/ 

– Sito SIP: Vaccino Covid-19, CDC conferma che per gli adolescenti il rischio miocarditi è rarissimo e i benefici sono superiori ai rischi.

https://sip.it/2021/06/24/vaccino-covid-19-cdc-conferma-che-per-gli-adolescenti-il-rischio-miocarditi-e-rarissimo-e-i-benefici-sono-superiori-ai-rischi/ 

– AAP News: Health officials, AAP urge COVID-19 vaccination despite rare myocarditis cases Melissa Jenco, News Content Editor. June 23, 2021

https://www.aappublications.org/news/2021/06/23/acip-covid-vaccination-myocarditis-062321

Aggiornamento: luglio 20201