Le allergie respiratorie, alimentari e dermatologiche: dalla diagnosi alla terapia

Quarto Congresso ‘Prevenzione in Pediatria’

E’ in programma sabato 27 novembre, dalle 9 alle 12.45, il quarto Congresso ‘Prevenzione in Pediatria’ quest’anno dedicato a ‘Le allergie respiratorie, alimentari e dermatologiche: dalla diagnosi alla terapia’. “Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche ha subìto nelle società occidentalizzate un incremento significativo, risultando più che raddoppiata negli ultimi 15-20 anni- spiega il responsabile scientifico, Marco Spada- Le malattie allergiche rappresentano pertanto al momento attuale un problema sanitario, economico e sociale, gravato da costi diretti (prevenzione e terapia) e indiretti (giornate di assenza dalla scuola o dal lavoro, etc.) e da costi ‘non misurabili’, legati alle limitazioni delle attività quotidiane e all’impatto sulla qualità della vita del paziente e della sua famiglia’. Sono stati pertanto pubblicati numerosi studi “volti a indagare la possibilità di attuare una prevenzione primaria delle malattie allergiche in bambini ad elevato rischio di svilupparle, con risultati talora contrastanti- continua Spada- la patogenesi delle allergopatie è infatti complessa, comprendendo una fitta rete di interazioni tra fattori genetici, epigenetici e ambientali, sui quali non è sempre possibile mettere a punto un’azione efficace e per alcuni dei quali molti aspetti restano ancora sconosciuti. Oltre alla messa in atto delle possibili strategie di prevenzione primaria, è pertanto fondamentale l’adozione di misure di prevenzione secondaria atte a limitare l’esposizione dei soggetti allergici ai diversi fattori ambientali (ivi inclusi gli allergeni) responsabili delle riacutizzazioni cliniche e della cronicizzazione dell’allergia. Altrettanto rilevanti infine sono le strategie di prevenzione terziaria, aventi lo scopo di prevenire le complicanze o gli ulteriori danni legati ai diversi aspetti della patologia allergica in causa”.

Nel corso del congresso verranno approfonditi tutti gli aspetti citati, nell’ambito delle patologie allergiche respiratorie, alimentari e dermatologiche.